San Felice del Benaco bilocale in classe A

Lago Garda San Felice: appartamento in stabile in classe A

Delizioso appartamento in piccolo contesto posto al piano terra con giardino privato composto da soggiorno, cucina, camera da letto matrimoniale, bagno, scala interna privata per accedere alla taverna ed alla zona accessoria,  piscina.
Euro 220.000,00

Superficie: 70 mq
Locali: 3
Giardino: privato
Certificazione energetica: A
Categoria:

Posizione

Collocato a ridosso del bellissimo centro storico del rinomato borgo di San Felice del Benaco e nel cui territorio si trova la famosa Isola del Garda o Borghese, questo paesino si affaccia sulle rive del lago di Garda vantando una storia che lo rende meta di un turismo non solo puramente vacanziero.
Il centro offre tutti i tipi di servizi che possono essere necessari tutto l’anno anche per una prima casa: supermercato, fornaio, macelleria, fiorista, ufficio postale, alberghi, bed and breakfast, pizzerie e ristoranti di un certo livello, il tutto comodo e molto fruibile.
Tornando alla storia dell’Isola del Garda, attualmente di proprietà della famiglia Cavazza e che nei secoli ebbe vari nomi quasi sempre legati ai suoi proprietari isola dei frati, isola de Ferrari, e più tardi isola Borghese appunto, certo fu che venne abitata già ai tempi dei romani, così come quasi tutta l’area della Valtenesi dove si possono visitare anche i diversi siti arechologici.
Venendo alla storia più recente agli inizi del ‘900 l’isola venne aggiudicata tramite una vendita all’asta al Barone Scotti che la rivendette al Duca Gaetano de Ferrari di Genova e a sua moglie l’arciduchessa russa Maria Annenkoff. Proprio in quel perido tra il 1880 e il 1900 i nuovi proprietari si dedicarono alla progettazione e realizzazione del parco, costruendo muri di contenimento verso il lago e importando terra fertile e piante esotiche, realizzando terrazze sistemate a giardino in stile italiano, e poi il progetto di una nuova villa in stile neogotico-veneziano divenne realtà. L’edificio di rara imponenza e unità stilistica divenne poi di proprietà della famiglia Borghese di Roma che in seguito ad un matrimonio della figlia Livia con il Conte Alessandro Cavazza di Bologna entrò di fatto nel ramo di questa famiglia ed arrivò così ai giorni nostri. Oggi  gli eredi  di questa importante famiglia continuano con dedizione a prendersi cura di questo luogo  di rara bellezza e di immenso fascino.